.
Annunci online

francesca-lu
Part-Time Job, Full-Time Crazy. /// PS: NON HO GLI OCCHI AZZURRI : )
 
 
 
 
           
       

Il profilo di Francesca Lucchi


Profilo Facebook di Francesca Lucchi
Crea il tuo badge
who's online
Locations of visitors to this page



Click for Cervia, Italy Forecast
Click for New York, New York Forecast





PAOLO & FRANCESCA

A HOLLYWOOD
 

 
28 agosto 2009

l'Aforisma di oggi

La religione è un'illusione e deriva la sua forza dal fatto che corrisponde ai nostri desideri istintuali

Sigmund Freud


27 agosto 2009

Ultima lettura

Cosa è successo a Mr. Dixon?
di IAN SANSOM



Questo è il secondo episodio delle peripezie, e disavventure 
del giovane/vecchio Israel in quel di Tundrum, Lui così londinese e pigro 
si ritrova a dover trattare con personaggi grotteschi come lui,
e finisce irrimediabilmente per cacciarsi nei guai..
lettura scorrevole, senza pretese, mette di buon umore... 
consiglio però di cominciare con il primo episodio..:"Il caso dei libri scomparsi"


"È la vigilia di Pasqua. Oggi è il grande giorno: il primo giorno 
della mostra itinerante sulla storia del più importante emporio 
della città, il leggendario Dixon & Pickering’s, che compie ben
cento anni. E Israel Armstrong, bibliotecario itinerante di 
Tundrum e curatore dell’esposizione, è di ottimo umore.
Anche se piove – a Tundrum piove sempre –, lui non ha bevuto il suo caffè – 
ormai è un lontano ricordo – e la gente del luogo sembra 
fare di tutto per rendergli la vita impossibile. Insomma, 
ogni cosa va per il verso giusto. Almeno fino a quando si 
scopre che il proprietario dell’emporio è sparito. Dov’è finito Mr. Dixon? 
E cosa ne è stato delle centomila sterline che custodiva nella sua 
cassaforte? Inutile dire che il sospettato numero uno è proprio I
srael, che nel giro di poche ore si ritrova ammanettato, accusato 
di rapimento e furto e per giunta 
senza lavoro – la biblioteca di Tundrum e Distretto non intende 
affatto infangare il suo buon nome annoverando tra le sue fila 
un pregiudicato. Riuscirà Israel a trovare la chiave di quella sparizione,
salvare il posto e non trascorrere i prossimi anni in una cella dell’Irlanda del Nord? 
Perché Gloria non risponde mai alle sue telefonate?
 E si può sapere perché a Tundrum sembrano avercela tutti con lui?
Ma, soprattutto, c’è nessuno qui che ha sentito parlare di Franz Kafka?"


20 agosto 2009

_


All'improvviso mi si gira lo stomaco e non riesco a trattenere le lacrime..
eravamo "solo" colleghi..
tu avevi il viso sempre pieno di sorrisi...

quando l'Ale mi ha detto che era morto un nostro collega non 
so perché ho pensato proprio a te..tra i tanti.. non so,

tu rappresenti il vuoto che lascia la perdita, rappresenti 
i tanti punti interrogativi della vita...
vorrei alleviare il dolore della tua famiglia, vorrei dire loro che "il tempo guarisce",
ma non sarà così:  ci sono ferite che sanguinano sempre, 
dolori insopportabili anche dopo 20 anni, 
vuoti a cui non ci si abitua mai,
nottate passate a piangere come bambini e un eterna malinconia negli occhi...
mai più felici fino in fondo...
rimane una domanda sul cuore di tutti...una domanda semplice, ma senza risposta..
perché tanta soferenza?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. luca donati

permalink | inviato da francesca-lu il 20/8/2009 alle 23:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

18 agosto 2009

Non ce la potere fare..

"Amore hai pulito il bagno ma c'è ancora tutto il calcare!!"

"A dì con lo sgrassatore non si è pulito! C'ho dato come un matto!!"

"Ma devi usare l'anticalcare!!!!!! Leggi le istruzioni!!!"

"Ma che ne so io!"

"o__O"




permalink | inviato da francesca-lu il 18/8/2009 alle 23:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

18 agosto 2009

Ultima lettura

 
Jorge Amado - Gabriella garofano e cannella
Jorge Amado: Gabriella garofano e cannella

Gabriella dal profumo di garofano e dal colore di cannella, mulatta sinuosa che non cammina ma balla, che non parla ma canta, è arrivata con tanti altri emigranti dall'interno del sertao sul litorale, per non morire di fame. E' arrivata a piedi, danzando sulla terra riarsa fino a Ilhèus per la gioia e la dannazione dell'arabo Nacib. Selvatica e spontanea, incapace di tutto fuorchè d'amare e cucinare, la scalza Gabriella assiste senza molto capire agli intrighi della cittadina, ai mutamenti sociali, all'evoluzione della mentalità, alle beghe che scoppiano tra i fazendeiros per la supremazia nel mercato del cacao.

 

Amado è uno dei miei scrittori preferiti, e questo suo romanzo è il primo che mi ha lasciato un pò perplessa, da Amado mi aspettavo qualcosa di più, la storia della bella Gabriella è dolce e fa sognare, il contorno politico non lo riconosco molto di Amado, è troppo marginale, troppo soft... sarà perché mi sono letteralmente innamorata di "AGONIA DELLA NOTTE", suo romanzo politico veramente forte, e ve lo consiglio... Va letto anche "Gabriella garofano e cannella" ma non come prima letura di Amado_


8 agosto 2009

per non dimenticare


If This Is a Man - Primo Levi (Trad.)

You who live safe
In your warm houses,
You who find warm food
And friendly faces when you return home.
Consider if this is a man
Who works in mud,
Who knows no peace,
Who fights for a crust of bread,
Who dies by a yes or a no.
Consider if this is a woman
Without hair, without name,
Without the strength to remember,
Empty are her eyes, cold her womb,
Like a frog in winter.
Never forget that this has happened.
Remember these words.
Engrave them in your hearts,
When at home or in the street,
When lying down, when getting up.
Or may your houses be destroyed,
May illness strike you down,
May your offspring turn their faces from you.



Se Questo è Un Uomo
Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca
I vostri nati torcano il viso da voi
.




7 agosto 2009

il sapone di marsiglia per l'igiene personale

Il mio dermatologo mi ha consigliato di usare il classico sapone di marsiglia da bucato per l'igiene personale... ero un pò perplessa ma ho giustamente provato, e devo dire che ne sono stata entusiasta!! Ho comprato un panetto di vero marsiglia, mi ha sconsigliato il liquido perchè comunque qualche additivo chimico sicuramente c'è...

usando il saponedi marsiglia si evita di aggredire il proprio organismo con coloranti, conservanti e profuma vari.... inoltre  è molto economico perché un panetto dura un sacco!! Per non parlare dell'impatto ambientale praticamente nullo... per cui vi consiglio di provare e valutare voi stessi.. per quel che mi riguarda userò sempre il marsiglia!!

 

PS: è ottimo anche per l'igiene intima_



 

Ultime cose
Il mio profilo

*****LE MIE LETTURE*****
__
suocere
__
PORKY'S CLUB NYC
mondo bloggo
NYC BLOGGERS!!!!
LEGGETE QUI!!!
KERMIT





me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     luglio        marzo